Wikileaks: Fico chiese un incontro con Obama per una foto promozionale da usare per le elezioni

Il controverso sito Wikileaks ha rilasciato alcune nuove informazioni sul punto di vista espresso da alcuni diplomatici americani sulla situazione politica slovacca. Tra le rivelazioni più interessanti vi è quella che parla del presidente del partito – oggi all’opposizione – Smer-SD, Robert Fico: pare che quando era Primo Ministro nel 2009 fece pressioni all’attachè per gli affari economici dell’Ambasciata degli Stati Uniti a Bratislava per incontrare il Presidente americano Barack Obama in occasione di una serata di gala tenutasi all’Ambasciata Slovacca a Washington a metà novembre di quell’anno per celebrare il 20° anniversario della Rivoluzione di Velluto. «Anche fosse solo per un paio di minuti», sembra abbia detto Fico. Ma il desiderio di Fico non si realizzò, e Obama trascorse quel 17 novembre con il Premier russo Vladimir Putin a Mosca. Gli americani non avevano dubbi qual’era l’obiettivo di Fico per tale richiesta: «Vuole una fotografia pre-elettorale con il presidente Obama», si legge sui documenti pubblicati in Wikileaks.

«Non sono responsabile per le sensazioni personali dei dipendenti delle ambasciate. Metà di tutto quello che si legge nei cablogrammi è costituito da pettegolezzi e stupidaggini. Nessuna visita ufficiale è mai stata preparata dall’Ufficio Protocollo Estero dell’Ufficio del Governo. Se qualche diplomatico avesse scritto dei dispacci sull’argomento, ha parlato delle proprie impressioni e nessuno può essere responsabile di questo», ha risposto Fico alle insinuazioni emerse dai dispacci diplomatici, aggiungendo di aver incontrato Obama due volte – una a Varsavia e una seconda a Praga, in occasione di trattative politiche.

I sentimenti negativi dei diplomatici americani sull’ex Premier Robert Fico che tenta di incontrare il presidente Barack Obama erano giustificati, ha commentato ieri il capo del Partito Nazionale Slovacco (SNS), Jan Slota, al tempo partner di Smer al Governo, visto che Fico si è comportato come un leccapiedi all’Ambasciata degli Usa, ha detto. «Comportarsi come un leccapiedi è indegno del Primo Ministro di uno Stato sovrano – e la risposta americana era ovviamente appropriata», ha detto Slota.

(Fonte SME/Tasr)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google