La Difesa slovacca licenzia 1.400 dipendenti e vuole 3,3 miliardi in nuovi armamenti

Il Ministero della Difesa sta preparando la prima fase dei licenziamenti, durante la quale circa 1.400 persone andranno a casa: 900 sono dipendenti amministrativi e il resto soldati, ha detto ieri il Ministro della Difesa, Lubomir Galko (Libertà e Solidarietà / SaS ). Secondo Galko, verranno in seguito licenziati anche altri dipendenti pubblici. Questa intenzione è sancita dalla Valutazione di difesa strategica riconosciuta dal Governo mercoledì.

«Chiuderemo i tre grandi quartieri generali militari – le forze terrestri, le forze aeree e quelle di formazione e supporto – e provvederemo a creare un’unica sede centrale. Il risparmio che ci aspettiamo è di circa il 15%. In numeri, vuol dire 300 soldati in meno tra gli ufficiali di rango superiore», ha detto Galko. Il numero dei dipendenti interessati non sarà così drammaticamente alto, come era previsto all’inizio dell’anno.

I tagli dovrebbero riguardare pure la tecnologia dell’esercito, tra cui 30 carri armati, 82 veicoli BMP (un mezzo anfibio della fanteria di produzione russa), un paio di elicotteri ed altri pezzi di equipaggiamento. Gli acquisti di nuove tecnologie militari dovrebbero poi essere effettuati attraverso grandi progetti, per i quali il Ministero vorrebbe gradualmente raccogliere circa 3,3 miliardi di euro a partire dal 2014, per completare una modernizzazione del settore difesa nel giro di una decina di anni, che è uno degli obiettivi della nuova strategia del Ministero insieme alla riorganizzazione della sua struttura interna.

(Fonte Tasr)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google