Sindacati scrivono lettera aperta al Premier slovacco: no al salario super-lordo

I leader della Confederazione dei sindacati (KOZ) ha inviato una lettera aperta al Primo Ministro Iveta Radicova alla fine della scorsa settimana dove ha preso le distanze, tra l’altro, dalla prevista introduzione del cosiddetto stipendio super-lordo, che riflette il pieno costo aziendale di un lavoratore dipendente.

«La realtà della vita quotidiana non è la conferma degli obiettivi dichiarati del Governo. La maggior parte delle persone in Slovacchia non sono felici quando guardano alle loro pensioni e stipendi, che sono classificati tra i più bassi dell’Unione Europea, e non solo tra i cosiddetti vecchi membri, ma anche tra i paesi nuovi entrati», recita la lettera.

«Nella lettera noi ricordiamo che nei prossimi giorni il Governo andrà a discutere il disegno di legge sul salario super-lordo, che si basa sul progetto di riforma del prelievo fiscale e nasconde il nocciolo dei problemi che affliggono la Slovacchia», ha detto a Tasr lunedì Miroslav Gazdik di KOZ.

Secondo i sindacati, le modifiche necessarie al sistema delle imposte e tasse non giustificano l’introduzione del salario super-lordo, che, insieme con le modifiche al Codice del Lavoro recentemente approvate, servirà solo a distruggere il sistema della contrattazione collettiva e a mettere a rischio la condizione dei dipendenti.

(Fonte Tasr)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.