NADSME: le piccole imprese slovacche crollate in numero nel 2010 per le conseguenze della crisi

Le attività economiche in Slovacchia si sono in una certa misura stabilizzate l’anno scorso dopo il crollo significativo del 2009, mostrando segni di ripresa, secondo l’Agenzia nazionale per lo sviluppo delle piccole e medie imprese (NADSME), che ritiene che le oscillazioni nell’economia slovacca dovute alla crisi economica globale abbiano influenzato la stabilità del settore economico. Le piccole e medie imprese sono aumentate in numero l’anno scorso del 12,2%, diventando 143.000. «In termini annuali, tuttavia, il numero di piccole imprese si è ridotto del 54% per il calo complessivo dell’occupazione nel 2009, cosa che si è riflessa pienamente nelle statistiche del 2010», ha aggiunto l’Agenzia nella relazione finale per il 2010. Il numero di imprenditori individuali è sceso leggermente soltanto di nemmeno l’uno per cento a 410.308 persone, con i lavoratori autonomi che sommano la cifra di 384.202. Gli imprenditori autonomi agricoli sono stati 7.728 e i liberi professionisti 18.378.

In termini di singoli settori, è stata registrata la crescita più significativa del numero di PMI nel settore dei servizi commerciali (17,4%). Le persone giuridiche nel settore della vendita al dettaglio sono seguite con una crescita del 7,4%. Il numero di lavoratori autonomi nel settore della vendita al dettaglio si è invece ridotto del 3,4%, e del 2,5% nell’industria.

Le piccole imprese fino a 50 dipendenti hanno fornito quasi il 21% dei posti di lavoro lo scorso anno.

(Fonte Sario)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google