Oggi, 55 anni fa, la tragedia di Marcinelle: messaggio del Ministro Frattini

La mattina dell’8 agosto 1956 è ricordata, soprattutto dagli italiani e in particolar modo dai connazionali che vivono all’estero, per un incidente che si verificò in una miniera di carbone situata a Marcinelle, nei pressi di Charleroi, in Belgio. Di 274 uomini presenti nella miniera in quel momento ne morirono 262, per metà erano italiani emigrati. 136 sono state le vittime di provenienza italiana di quella tragedia dovuta ad errori umani e procedure non sicure, morti a 975 metri di profondità. Con loro, colleghi belgi, francesi, tedeschi, russi, ucraini, cecoslovacchi, greci, turchi, algerini, e un ingegnere inglese.

Vera e propria tragedia dell’emigrazione italiana nel mondo, sarà commemorata oggi dalle autorità anche italiane in quella miniera Bois du Cazier oggi diventata museo, e nelle comunità italiane nel mondo. L’anniversario della tragedia è stato proclamato nel 2001 ‘’Giornata nazionale del sacrificio del lavoro italiano nel mondo’’, quale momento di memoria di tutti gli italiani caduti sul lavoro all’estero.

È giusto, pur dopo 55 anni, non dimenticare il sacrificio di quei minatori che furono impiegati in condizioni pericolose, privi di un’adeguata formazione e non tutelati da norme su salute e sicurezza, ricorda anche oggi la Cisl. Grazie al loro sacrificio sono stati fatti passi in avanti nel garantire diritti e tutele non solo per gli impiegati in miniera ma, più in generale, per tutti gli stranieri che, proprio da questa vicenda, acquisirono maggiore visibilità, rispetto e dignità come lavoratori e come esseri umani.

È giusto, però, tenere anche ben presente che solo nel 2010, dunque oltre mezzo secolo dopo, l’Italia ha avuto 980 morti sul lavoro, 775.000 denunce per infortunio, e 42.350 per le malattie professionali, come da dati del patronato Inas Cisl. È giusto, dunque, non mollare e non abbassare la guardia. Mai.

Riportiamo qui di seguito il messaggio che il Ministro degli Affari Esteri italiano, Franco Frattini, ha inviato a tutte le Ambasciate e comunità italiane nel mondo, che ci è stato segnalato dall’Ambasciata d’Italia a Bratislava.

«Cari Connazionali,

vorrei anche quest’anno manifestarVi con grande commozione la mia più sentita partecipazione all’anniversario della tragedia di Marcinelle dell’8 agosto 1956, ricorrenza che è stata proclamata nel 2001 “Giornata nazionale del sacrificio del lavoro italiano nel mondo”, quale momento di celebrazione di tutti gli Italiani caduti sul lavoro all’estero e di onore alla loro memoria.

I milioni di Italiani che nei 150 anni di storia nazionale unitaria sono emigrati fuori dai nostri confini hanno fornito innumerevoli esempi di altissima capacità, dignità e dedizione al lavoro. I nostri emigranti hanno contribuito in modo determinante alla diffusione dell’immagine di un’Italia attiva e fiera, collaborando con la propria instancabile operosità all’edificazione delle società che li hanno accolti.

Vorrei quindi ricordare con deferente e commosso omaggio, insieme a tutti Voi, i nostri lavoratori scomparsi, che l’anniversario della tragedia mineraria di Marcinelle vuole riunire in una giornata di commemorazione.

Come in passato, ho anche disposto che le Rappresentanze diplomatiche e consolari osservino, in occasione di questo anniversario, un minuto di silenzio per ricordare le vittime del lavoro che in tutto il mondo e in ogni tempo hanno onorato l’Italia con il loro sacrificio.

Roma, 8 agosto 2011»

Franco Frattini

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google