Nicholsonova: migliorare la definizione dei gruppi emarginati per focalizzare meglio i fondi


La definizione ambigua di comunità socialmente esclusa ha spesso portato a un uso improprio dei contributi dei Fondi strutturali negli ultimi anni, lo ha detto ieri il Segretario di Stato Lucia Nicholsonova del Ministero del Lavoro, Affari Sociali e Famiglia. «Ci sono stati spesso casi in cui, per esempio, sono stati stanziati fondi strutturali … a varie persone che si sono spacciate come membri delle comunità emarginate rom. Si trattava in effetti di famiglie rom, ma in realtà erano completamente integrate e semplicemente non dipendevano da tale assistenza, facenti parte di progetti individuali», ha detto la Nicholsonova. Pertanto, è importante ora ribadire con chiarezza la definizione di comunità socialmente escluse, in modo che il Ministero possa lavorare con esse, ha detto la Nicholsonova.

La definizione tiene in considerazione i dati demografici, socio-economici e le condizioni per l’istruzione in determinati casi. Secondo la Nicholsonova, una comunità socialmente esclusa è quella che vive in una zona compatta e possiede alcune caratteristiche misurabili. «L’obiettivo è quello di differenziare le persone che hanno interesse a cambiare il proprio status da quelle che non compiono invece alcun tentativo», ha aggiunto la Nicholsonova.

(Fonte Tasr)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google