Miklos: conti Slovacchia in linea con previsioni, nessuna necessità di una manovra aggiuntiva


Lo sviluppo delle finanze pubbliche slovacche, che il Ministero delle Finanze considera fondamentalmente positivo, non necessita di alcun ulteriore adeguamento per ridurre il disavanzo pubblico al 4,9% del PIL come previsto dal bilancio dello Stato. Dunque non vi sono le condizioni per pensare a una manovra supplementare. Nonostante questo, il Ministero vede comunque alcuni rischi. Quello maggiore è l’evoluzione internazionale. Anche il consolidamento delle imprese ferroviarie di Stato, il debito degli ospedali statali o il deficit delle entrate fiscali derivanti dalla vendita delle quote di emissione potrebbero influenzare negativamente il bilancio. Alcune voci nel bilancio dello Stato, invece, come ad esempio i dividendi attesi, potrebbero essere addirittura superiori alle previsioni iniziali, così da portare a un bilanciamento di massima tra i pro e i contro, secondo il Ministero.

Il bilancio dello Stato, come ricordavamo l’altro ieri, ha registrato un disavanzo di 1.675 milioni di euro alla fine luglio. Secondo i dati ufficiali, le entrate di bilancio sono in crescita dell’8,8%, mentre le spese sono scese del 2,4%. Grazie alla crescita dei ricavi e il calo di spesa, il deficit statale è diminuito di oltre il 30% in termini annuali. Il funzionamento della macchina statale ha visto l’8,4% di costi in meno rispetto a un anno fa. Altre voci di spesa sono invece aumentate, come i costi del debito pubblico.

Il dicastero delle finanze sta al momento duramente negoziando con i singoli Ministeri per definire i contorni del prossimo bilancio 2012, la cui prima proposta sarà presentata al Consiglio dei Ministri prima del 15 agosto. I fondi richiesti in totale da tutti i Ministeri superano di gran lunga le possibilità di bilancio, e il Ministro Ivan Miklos (SDKU-DS), ha annunciato che tra le priorità fondamentali che il suo Ministero ha fissato nella preparazione del bilancio vi sono le ferrovie, le infrastrutture stradali, l’istruzione e l’assistenza sanitaria. «I maggiori incrementi di bilancio, nella nostra proposta, saranno in questi reparti», ha spiegato Miklos in una conferenza stampa martedì. I limiti di manovra per lui sono dati soprattutto dalle entrate di bilancio limitate e dalla necessità di contenere il disavanzo delle amministrazioni pubbliche.

Il Ministero prevede però di poter utilizzare i proventi dalle privatizzazioni, che potrebbero andare a eliminare il debito degli ospedali che, secondo i dati del suo Ministero, hanno aumentato il loro debito di 100 milioni di euro dall’inizio dell’annoUna volta ricevuta la proposta di bilancio di previsione, il Governo è obbligato ad approvarlo entro il 30 settembre e presentarlo entro il 15 ottobre al Parlamento, che dovrà vararlo per la fine dell’anno. Se il Parlamento non lo approvasse prima di tale data, entrerà in vigore un bilancio provvisorio che ricalca quello utilizzato nell’anno precedente.

(Fonte RSI)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google