IFP: il debito pubblico in Slovacchia cresce di più perché non ha dovuto salvare le banche

La crescita del debito pubblico della Slovacchia è diventata superiore alla media europea dopo l’avvento della crisi economica, ha affermato l’Istituto delle Politiche Finanziarie del Ministero delle Finanze (IFP). L’IFP ha osservato che i suoi calcoli sono correlati al fatto che la Slovacchia non ha dovuto fare salvataggi del suo sistema finanziario. «Il debito della Slovacchia è aumentato di 3,4 miliardi di euro rispetto alla media dei paesi europei che versano nelle stesse condizioni economiche», ha detto l’IFP. Paragonandosi alla vicina Repubblica Ceca, le prestazioni della Slovacchia risultano peggiori. L’IFP ha sottolineato che la causa potrebbe risiedere nella maggior crescita dei costi reali nel Paese, la più alta registrata in tutta l’UE. Secondo le statistiche preliminari pubblicate da Eurostat, l’indebitamento della Slovacchia ha raggiunto il 41% del PIL alla fine del 2010, che è meno della metà rispetto alla media europea. Se si considera tuttavia l’indebitamento al 35,5% del PIL alla fine del 2009, non si può fare a meno di notare l’inquietante impennata del 5,5% in un anno. Questo incremento, su base annuale, equivale all’incirca alla media europea, ma la spesa elevata degli altri Governi è stata motivata da prestiti e conferimenti di capitale forniti alle istituzioni finanziarie, ha spiegato l’IFP.

(Fonte Tasr)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google