Apre domani a Forlì “La Madonna in Slovacchia” con importanti opere d’arte storiche

“La Madonna in Slovacchia”, mostra di importanti opere di artisti slovacchi storicizzati come Ludovit Fulla o Martin Benka, che è stata esposta all’Ambasciata slovacca di Roma fino alla scorsa settimana, apre domani a Forlì presso l’Oratorio di San Sebastiano. I quadri, pietre miliari dell’arte moderna slovacca del ventesimo secolo provengono dalla collezione della Galleria Nazionale Slovacca (SNG) di Bratislava, scelti da Katarina Bajcurova in occasione della beatificazione di Papa Giovanni Paolo II, pontefice che aveva in grande considerazione ed era un forte promotore della figura della Vergine, avvenuta lo scorso 1° maggio in Piazza San Pietro.

L’evento di Forlì, come lo era la mostra di Roma, è organizzato dall’Istituto Slovacco a Roma in collaborazione con l’Ambasciata Slovacca in Italia, la Galleria Nazionale Slovacca di Bratislava e il Console Onorario della Repubblica Slovacca a Forlì, Alvaro Ravaglioli.

La mostra affronta il tema tradizionale della Madonna-Madre con bambino, che, si legge nella presentazione curatoriale, «è stato relativamente frequente nell’opera dei pittori slovacchi della prima metà del XX° secolo. In Slovacchia la figura della Madonna Vergine dei Sette Dolori era venerata fin da tempi remoti come patrona e protettrice del Paese. Per questa ragione, per gli artisti slovacchi le connotazioni semantiche e le trasposizioni dal piano “materno” a quello “mariano” del soggetto sono state naturali».

La Madonna è adorata da secoli come protettrice della Slovacchia, in particolare nella figura di Madonna dei Sette Dolori, alla quale è dedicata la festa solenne del 15 settembre che attira decine di migliaia di fedeli alle funzioni religiose in tutto il Paese. Il 15 settembre del 1927 la Santa Sede proclamò ufficialmente la Vergine Maria quale patrona della Slovacchia, ed è divenuta festa nazionale nel 1994. Ogni 15 settembre si tiene in Slovacchia un pellegrinaggio nazionale alla Basilica di Nostra Signora di Sastin (nell’area di Zahorie, regione di Trnava, non lontano dal confine con la Repubblica Ceca), con funzioni celebrate dai massimi rappresentanti della Chiesa cattolica del Paese e la presenza delle più alte istituzioni.

Dopo l’inaugurazione di domani, che vedrà presenti rappresentanti delle autorità di Forlì e provincia oltre al nuovo Ambasciatore designato Maria Krasnohorska e al direttore dell’Istituto slovacco Peter Krupar, il Consolato organizzerà nel periodo di mostra due momenti di riflessione: il 7 luglio con la lettura della Lettera Apostolica di Giovanni Paolo II sulla dignità e vocazione della donna, e 14 luglio con la recita del rosario nel corso del quale saranno trattati i “misteri della luce” istituti dal beato Giovanni Paolo II.

Il Consolato di Forlì aiuta da tempo a stabilirsi in città ragazzi slovacchi che lì vengono a studiare presso la locale sede dell’università, una delle sedi dell’Università di Bologna che è diffusa in tutta la Romagna. Nel corso degli anni, parecchie decine di studenti sono transitati da Forlì, che sono poi in connessione con altri slovacchi che risiedono in altre città del nord Italia. Al momento, sono 8 gli studenti residenti, e 10 slovacchi vi stanno facendo un Erasmus. Forlì è anche sede di un lettorato di slovacco – l’unico dell’Italia settentrionale – che vede ben 50 studenti di varie nazionalità cimentarsi con la lingua slovacca. Dall’Università di Bologna sono usciti alcuni capaci studenti slovacchi che oggi sono impiegati in incarichi di rilievo in aziende in Slovacchia, italiane e non.

Vernissage: venerdì 17 giugno 2011 alle ore 18:30
Durata della mostra: fino al 15 luglio 2011
Dove: Oratorio di San Sebastiano, Piazza Guido da Montefeltro 249, Forlì

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google