Il sindacato slovacco degli insegnanti minaccia scioperi e proteste

La situazione nel settore della formazione vive da troppo tempo in una condizione tesa e insopportabile, mentre il Governo continua a chiudere gli occhi dinanzi a tutto questo, affermano i sindacati degli insegnanti. Pertanto, le organizzazioni del lavoro del settore hanno deciso di annunciare un avvertimento di sciopero cominciato venerdì scorso. «Questo è il primo passo. Il prossimo può essere un raduno di protesta davanti all’Ufficio di Gabinetto. Poi sarà la volta di un sit-in di sciopero», ha annunciato il presidente del sindacato di settore, Jozef Luzak. I rappresentanti sindacali non aderiranno alla vertenza prima della fine del corrente anno scolastico, ma non si esclude uno sciopero nel mese di settembre.

Il malcontento degli insegnanti e degli altri dipendenti nel settore dell’istruzione è motivato principalmente dai bassi salari. I salari medi in questo settore sono stati di 2,4 euro più bassi nel primo trimestre rispetto all’anno scorso, portando lo stipendio mensile a 530 euro. I sindacalisti inoltre puntano l’attenzione sulle statistiche europee, che vedono la Slovacchia in fondo alla classifica per i finanziamenti all‘educazione. La Slovacchia è l’unico Paese a investire meno del 4% del prodotto interno lordo per l’istruzione.

(Fonte RSI)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google