Porte aperte domani al Palazzo Presidenziale di Bratislava

Porte aperte domani, venerdì 10 giugno, al Palazzo presidenziale di Bratislava per celebrare l’anniversario dell‘inaugurazione dell’ultimo mandato (il secondo) dell‘attuale Presidente Ivan Gasparovic, il cui ingresso ufficiale a Palazzo Grassalkovic fu il 15 giugno 2009. Il palazzo sarà aperto ai visitatori tra le 09:00 e le 17:00. I primi visitatori saranno accolti da Gasparovic e la First Lady Silvia Gasparovicova nel Gran Salone del palazzo.

Saranno esposte fotografie e saranno a disposizione del pubblico video delle attività di Gasparovic nei settori della politica interna ed estera nel corso dell’ultimo anno. Si terranno anche eventi di accompagnamento nel cortile dell‘edificio.

Gasparovic, che ha compiuto 70 anni a fine marzo, è stato a lungo professore di legge (specializzato in penale e criminologia) presso l’Università Comenius della capitale slovacca. Dopo la Rivoluzione di Velluto, fu scelto nel 1990 dal primo Presidente della Cecoslovacchia democratica Vaclav Havel come Procuratore generale della Federazione Cecoslovacca. Due anni dopo è entrato in politica, nel partito di Vladimir Meciar Movimento per una Slovacchia Democratica (HZDS) dove è rimasto fino al 2002, quando ha costituito un suo movimento (HZD). Gasparovic è stato nel 1992 tra i contributori dell’attuale Costituzione della Repubblica Slovacca, entrata in vigore il 1° gennaio 1993 insieme all’autonomia della Slovacchia. Presidente del Parlamento dal 1993 al 1998, ebbe in quell’anno anche poteri di Presidente della Repubblica ad interim per alcuni mesi.  Eletto per la prima volta alla massima carica in Slovacchia, quella di Presidente della Repubblica, nel 2004, ha superato l’esame anche nel 2009 per il suo secondo mandato, passando al ballottaggio contro l’attuale Premier Iveta Radicova.

(La Redazione)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google