La Slovacchia intende imporre condizioni a qualunque futuro prestito alla Grecia

La Slovacchia ha una posizione di riserva quando si tratta di utilizzare le risorse del Meccanismo Europeo di Stabilità Finanziaria (EFSF) per aiutare la Grecia, e chiede che le banche ne condividano il fardello, ha detto il portavoce del Ministero delle Finanze slovacco, Martin Jaros, reagendo a un articolo pubblicato dal quotidiano tedesco Handelsblatt in cui si dice che la Slovacchia è in procinto di bloccare il prestito.

Le riserve della Slovacchia nei confronti del prestito alla Grecia sono ben note, dopo che il Paese ha espresso un sonoro “no” alla sua partecipazione al programma di salvataggio la scorsa estate, ma si unirà comunque al dibattito su un possibile schema di nuovo prestito attraverso il Meccanismo EFSF, anche se non sarà un osservatore passivo, ha detto poi Jaros. «Il Ministro delle finanze [Ivan Miklos] intende, soprattutto, insistere sul fatto che il programma di rimborso del prestito esistente sia soddisfatto [da parte dei Greci], nonché su come fissare un programma molto severo, parte del quale dovrebbe essere la privatizzazione di alcuni asset di Stato e garanzie alle quali si obbligano tutte le parti politiche in Grecia. Inoltre, il nuovo pacchetto di aiuti deve essere adottato con la partecipazione del settore privato», ha detto Jaros.

Citando un alto funzionario dell’Unione Europea come fonte, Handelsblatt ha scritto che i Governi dell’Eurozona decideranno probabilmente più tardi del previsto sul secondo pacchetto di aiuti alla Grecia, considerata la resistenza imprevista della Slovacchia. Il quotidiano afferma inoltre che anche il Regno Unito è incline a non concedere il secondo prestito.

(Fonte RSI, TASR)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google