Miklos non convince i sindacati: KOZ ancora contro la revisione del gettito d‘imposta

I sindacati continuano ad essere contrari alla versione proposta della riforma volta a rivedere il sistema di tasse e contribuzioni salariali, proposta che è stato approvata dal Governo in maggio. A seguito della sessione di lunedi del Tripartito (Consiglio economico e sociale del Governo, con i rappresentanti dei dipendenti, datori di lavoro e il potere esecutivo), il Ministro delle Finanze, Ivan Miklos (SDKU-DS), ha detto che i sindacati non hanno effettivamente capito la proposta in sé, ma che egli avrebbe condotto comunque le loro osservazioni alla sessione di Governo. «Gli ho promesso che il Gabinetto avrebbe ascoltato la loro posizione», ha dichiarato Miklos.

Secondo il Ministro del Lavoro, Jozef Mihal (Libertà e Solidarietà / SaS), la riduzione proposta dell’1% dei prelievi (contribuzione su libro paga) per i dipendenti si tradurrebbe in una perdita compresa tra i 180 e i 190 milioni di euro nel bilancio dello Stato, ma la mossa potrebbe aiutare però i dipendenti con i redditi più bassi, che vedrebbero un netto superiore nelle loro buste paga. «I sindacati in qualche modo non hanno capito che la revisione è impostata per aiutare quasi tutti i dipendenti, così da migliorare le loro retribuzioni nette», afferma Mihal.

Tuttavia, il vice-presidente della Confederazione dei Sindacati (KOZ), Vladimir Mojs, sostiene che il sistema proposto è in perdita, il che significa che il piano di Governo avrebbe semplicemente messo in ulteriore debito l’assicuratore statale sociale Socialna Poistovna e le compagnie di assicurazione sanitaria. «Il Governo vuole prendere i soldi dal bilancio dello Stato per spenderlo per conto proprio», ha detto Mojs, aggiungendo che si aspettano presto ulteriori negoziati su questo argomento.

(Fonte TASR)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.