Il Rainbow Pride slovacco un anno dopo: sostegno da Chmel e ambasciatori stranieri, Polizia pronta

Il Vice Presidente del Consiglio per i Diritti umani e le Minoranze Rudolf Chmel (Most-Hid) ha espresso ieri il suo appoggio per l’imminente seconda edizione della parata Rainbow Pride, evento organizzato per richiamare l’attenzione sui diritti delle persone non eterosessuali, che si svolgerà per le strade di Bratislava domani 4 giugno.

«Io sostengo la sfilata Rainbow Pride, quale manifestazione simbolica della diversità», ha detto Chmel in un comunicato, aggiungendo che il sostegno significa anche il riconoscimento della dignità umana e dell’uguaglianza tra eterosessuali e non-eterosessuali. «Credo che verrà un giorno in cui la nostra società giuridicamente riconoscerà che le coppie omosessuali potranno creare partnership di lunga durata come le coppie eterosessuali, e che non meritano solo la parità di diritti, ma anche pari rispetto sociale», ha detto Chmel. Secondo il Vicepremier, le minoranze sessuali sono discriminate come lo sono le vittime di razzismo, xenofobia, sessismo e le persecuzioni a sfondo religioso.

Nel frattempo, la Polizia regionale di Bratislava si sta preparando alle misure di sicurezza per la marcia omosessuale. Le misure sono volte a garantire che i partecipanti all’evento non siano attaccati dagli estremisti, cosa che è successa l’anno scorso. «Per creare la massima sicurezza abbiamo messo centinaia di poliziotti a pattugliare le strade», ha detto la portvoce della Polizia Petra Hraskova. Lo scorso anno fu organizzata la parata di gay e lesbiche per la prima volta nel mese di maggio. La manifestazione pacifica, però, venne disturbata da estremisti che hanno attaccato i partecipanti e si sono scontrati con la Polizia, che aveva spianato nella zona circa 200 agenti di varie forze di Polizia. Ventinove persone furono fermate per essere interrogate.

In occasione del secondo Raibow Pride alcuni Ambasciatori hanno sentito la necessità di firmare, cosa avvenuta ieri, una dichiarazione congiunta a sostegno dell’evento. «Noi, come membri della comunità internazionale stiamo, sia in senso letterale che figurato, dalla parte dei partecipanti al corteo perchè si riuniscono pacificamente per difendere i loro diritti umani, e per aumentare la consapevolezza della comunità LGBT in Slovacchia», recita una dichiarazione congiunta fornita da Martina Jorikova dell’Ambasciata americana a Bratislava. «Tutti, comprese le persone LGBT, dovrebbero essere liberi di godere dei diritti e delle libertà enunciate nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell’uomo. Celebriamo il contributo dato dalle comunità LGBT nelle nostre società e salutiamo gli sforzi delle autorità nel garantire che i diritti dei LGBT vengano protetti in Slovacchia», recita la dichiarazione.

Info: www.duhovypride.sk

(Fonte TASR)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google