Ricerca: I salari nominali in Austria sono quattro volte più alti che in Slovacchia

In vista dell’apertura del mercato del lavoro Austriaco nei confronti della Slovacchia e degli altri Paesi entrati nell’UE con gli ultimi allargamenti, la società di revisione contabile e consulenza TPA Horwath ha presentato una ricerca che vede il salario nominale medio in Austria di ben quattro volte più alto rispetto a quello in Slovacchia.

La società ha elaborato una ricerca sui fattori chiave come premi di produzione, tassazione e produttività del lavoro in Austria comparata con nove Paesi dell’Europa Centrale e Orientale.

Mentre nell’ultimo anno il salario nominale medio in Slovacchia ha raggiunto l’importo di 769 € mensile, gli Austriaci hanno guadagnato in media oltre 3.030 € mensili. Contemporaneamente, i salari nominali nella Repubblica Ceca sono stati più alti del 19% rispetto alla Slovacchia, mentre in Polonia la percentuale si è attestata al 4%, al contrario in Ungheria sono stati inferiori di circa il 5%.

Allo stesso tempo, gli Sloveni stanno nettamente meglio degli Slovacchi, con i loro salari nominali pari a quasi il doppio di quelli Slovacchi. Al contrario, i bulgari hanno il più basso stipendio medio nominale pari a 328 € al mese, che è circa il 43% della media di quello in Slovacchia.

Se non si considera l’Austria nel calcolo, i salari medi mensili netti della Slovenia salgono in cima alla graduatoria, con gli Sloveni che guadagnano circa 400 € in più al mese (pari al 63% in più) rispetto agli Slovacchi. La Repubblica Ceca e la Croazia seguono nella classifica, entrambi con un salario netto più alto di quello slovacco di circa il 18%.

La differenza abissale nei salari tra la Slovacchia e l’Austria è in parte compensata quando si parla di potere d’acquisto reale, con la Slovacchia che raggiunge il 49 per cento del livello austriaco.

Inoltre, gli oneri deducibili in Slovacchia sono pari al 21,3% – un valore vicino alla media e paragonabile a quelli della Repubblica Ceca e della Polonia, che si attestano rispettivamente al 22,2% e 24,3%. Le deduzioni in Austria, comprendendo sgravi fiscali per tredicesima e quattordicesima, raggiungono il 33,9%. Tuttavia gli Ungheresi e gli Sloveni hanno maggiori oneri deducibili rispettivamente pari al 34,5% e 35,3%.

Il più alto carico fiscale sugli stipendi si raggiunge in Ungheria con una percentuale del 51,8%, con l’eccezione dell’Austria (49,5 %), tutti gli altri paesi stanno meglio in questi termini, con la Slovacchia al 40,8% e la Bulgaria che chiude la lista, in basso con il 34,4%.

(Fonte: TASR)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google