Appalto aeroporto non valido, CE rivuole i soldi da Governo slovacco

Un’indagine compiuta dall’Ufficio Europeo Anti-frode (OLAF) sulla ricostruzione dell’Aeroporto di Bratislava M.R. Stefanik ha rivelato il primo caso di spese non giustificate fin dal primo progetto sotto il Governo di Mikulas Dzurinda nel 2005, seguite poi da molti altri progetti del Governo di Robert Fico (2006-2010), ha detto lunedì il Primo Ministro in carica Iveta Radicova. Come risultato, le spese saranno coperte dal bilancio dello Stato e non dai fondi europei come originariamente previsto. «Il valore totale delle spese non giustificate eccede i 3 milioni di euro, essenzialmente perché la gara non ha rispettato le regole. Non possiamo reclamare questi fondi, né aspettarci di essere rimborsati», ha detto la Radicova dopo un incontro con il Commissario UE per lo Sviluppo regionale Johaness Hahn. «Dobbiamo coprire i fondi con il bilancio statale…si sta decidendo su quale capitolo del budget inserirli e non sarà una scelta facile», ha detto il Premier. La Slovacchia dovrà restituire la somma su richiesta motivata della Commissione Europea.

Il processo di selezione portò a commissionare ad una società chiamata Ikores la ricostruzione dell’aeroporto di Bratislava senza un vero appalto pubblico, e la Slovacchia dunque dovrà restituire per gara inappropriata i 3,9 milioni di euro forniti dalla Commissione Europea per la ricostruzione. La commissione alla società per i lavori di ristrutturazione fu concessa dal Ministero dei Trasporti che al tempo aveva a capo Lubomir Vazny (Smer-SD). Intanto il proprietario della società, Jozef Kopecky, aveva donato 200.000 euro al partito di Vazny.

L’Aeroporto non era gestito come mi aspettavo allora, così licenziai il direttore generale e presi questa decisione – ci tengo a dirlo – senza pressioni da parte della stampa né dall’allora opposizione, ha detto ieri l’ex Ministro dei Trasporti Lubomir Vazny (Smer-SD). Vazny ha aggiunto che fornirà ulteriori dettagli sull’argomento non appena avrà analizzato il dossier dell’OLAF.
Allo stesso tempo, l’attuale capo dell’ufficio servizi al Ministero dei Trasporti Peter Mach (Cristiano Democratici / KDH) ha ordinato di identificare la persona responsabile del discutibile appalto.

(Fonte TASR, Sme)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google