Il Governo passa la revisione del sistema fiscale e contributivo in Slovacchia

L’assai dibattuta revisione del sistema fiscale e contributivo slovacco è stata approvata dal Governo nel corso della sessione di ieri, pur con alcuni commenti. In base alle misure passate, sarà introdotto un cosiddetto stipendio super-lordo, mentre i prelievi per le assicurazioni sociale e sanitaria dovrebbero essere ridotti. Allo stesso tempo, anche la base imponibile esente dovrebbe essere ridotta dalle attuali 19,2 volte il livello minimo di sussistenza a 18 volte. Nella pratica, il livello di entrate esenti dovrebbe scendere nel 2012 di 200 euro.

Il contributo di assistenza sanitaria è stato approvato nella misura del 9%, fatta eccezione per i disabili che godranno di un tasso dimezzato. Il prelievo proposto per la previdenza sociale è del 19% per i lavoratori dipendenti, del 13% per i lavoratori autonomi e del 10% per chi lavora con contratti di prestazione di lavoro.

Secondo il Ministero delle Finanze l’insieme delle misure avrà un impatto sfavorevole sulle finanze pubbliche, con una perdita di 59,9 milioni di euro previsti per il prossimo anno, mentre il 99,5% dei dipendenti in Slovacchia dovrebbero avere un beneficio dalla riforma, informa il Ministero. Lo stesso vale per i lavoratori autonomi con redditi annui fino a 4.823 euro al lordo di imposte e contributi, gruppo che comprende in Slovacchia 116.600 individui.

Viceversa, la revisione appesantirà la situazione per i lavoratori autonomi che guadagnano più della somma di cui sopra, una categoria della quale fanno parte 180.400 persone. Anche i dipendenti ad alto reddito, quantificati in circa 8.300 lavoratori, vedranno ridotte le proprie entrate, insieme alle persone che lavorano con contratti di prestazione di lavoro.

La proposta di revisione passata andrà ora in Parlamento per la discussione, dove ci si attendono richieste di emendamenti da parte di parecchi parlamentari, anche di maggioranza. I rappresentanti del Partito Conservatore Civico (OKS), che siedono nel gruppo di maggioranza di Most-Hid, hanno contestato il processo che ha portato all’approvazione della riforma e la vedono come poco costruttiva. «OKS ritiene inaccettabile un ulteriore aumento della pressione fiscale», ha fatto sapere il partito.

Il Ministro delle Finanze Ivan Miklos (SDKU-DS) afferma che è impossibile evitare di toccare gli interessi di alcuni gruppi di persone, quando si fa una riforma di più ampio respiro, ed ha affermato che il Governo ha tutta l’intenzione di portare avanti la linea della proposta. «Parleremo con i gruppi parlamentari e con i deputati. Vogliamo che la proposta sia passata», ha detto.

Il leader dei Cristiano Democratici (KDH) Jan Figel, Ministro dei Trasporti in questo Governo, lasciando il Palazzo del Governo ieri dopo l’approvazione della proposta di legge ha detto che pensa che il Parlamento apporterà alcune modifiche al sistema. Ha fatto notare che soltanto le norme che godono del sostegno della maggioranza in Parlamento entreranno nella legge. «L’unificazione, semplificazione e maggiore trasparenza sicuramente avranno un sostegno maggiore di alcune altre misure minori», ha detto Figel, aggiungendo che sarà fondamentale cercare approcci comuni in Parlamento.

(Fonte TASR)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google