Deficit del bilancio slovacco tra gennaio e aprile sceso di un terzo rispetto al 2010

I primi quattro mesi dell’anno hanno mostrato alcuni sviluppi positivi nel bilancio pubblico della Repubblica Slovacca, e il disavanzo si è ridotto al 68,8% della somma che si era registrata nei primi quattro mesi del 2010, secondo un documento discusso dal Governo nella sua riunione settimanale di ieri. Nel frattempo, la spesa statale è sceso al 93,1% del livello raggiunto tra gennaio e aprile 2010.

Un importante effetto negativo, si legge nella relazione, è il finanziamento extra per le imprese ferroviarie del Paese, che hanno avuto un impatto sulle finanze pubbliche di poco meno di 216 milioni di euro. I debiti sempre crescenti degli ospedali, perennemente in perdita, da parte loro, sono responsabili di altri 80 milioni di deficit.

Viceversa, i fattori favorevoli hanno portato vantaggi per una somma calcolata in 300 milioni di euro. Il Ministero delle Finanze prevede inoltre maggiori ricavi da imposte di quanto indicato nel bilancio preventivo, anche se nessuna cifra specifica è stata ancora rilasciata in tal senso.

Un minore cofinanziamento con i fondi UE ha portato ad un risparmio di 95 milioni sulle uscite dello Stato, mentre i dividendi da società a partecipazione (totale o parziale) pubblica hanno contribuito con altri 70 milioni.

Il bilancio di previsione che questo Governo ha approvato lo scorso anno prevede un deficit a fine 2011, grazie a forti tagli e manovre di consolidamento, del 4,9%, dall’8% raggiunto nel 2010. Il piano a medio termine prevede di raggiungere nel 2013 un deficit sotto la soglia massima del 3% del Patto di stabilità e crescita dell’UE.

(Fonte TASR)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.