Anche il Presidente Gasparovic in campo contro la proposta sulla doppia cittadinanza

Secondo il proprio stile ha parlato in modi compassati, autorevoli ma fermi e decisi. Anche il Presidente della Repubblica Slovacca, Ivan Gasparovic, ha ritenuto doveroso unirsi a quanto già dichiarato dal Premier Fico, dal Ministro degli Esteri Lajcak e dall’Ambasciatore a Budapest Peter Weiss. „E‘ ovvio che quanto l’Ungheria si appresta ad emendare non è solo un affare interno dello Stato, ma coinvolge direttamente anche le nazioni confinanti come la Slovacchia, la Serbia, la Romania; nazioni che debbono dare il loro legittimo assenso all‘iniziativa“ ha dichiarato il Presidente che ha aggiunto: „ L’Ungheria ha aderito, sin dal 2001, alla Convenzione Europea sulla cittadinanza, che regola e stabilisce le condizioni alle quali sia possibile dare un passaporto ad un cittadino straniero; e che stabilisce anche il diritto da parte dello Stato a ritirare il proprio passaporto“. „D’altra parte non sarà affatto facile anche per l’Ungheria, che dovrà concedere, ad esempio, il diritto attivo e passivo di voto ai cittadini solo in presenza di una residenza permanente all’interno del Paese“. A questo proposito, secondo Gasparovic: „la Slovacchia rispetta totalmente i diritti sulle minoranze, secondo cui l’eredità culturale viene mantenuta viva e la lingua viene insegnata agli Slovacchi di diversa etnia, siano essi Ungheresi, Ucraini, Polacchi, Ebrei“.

(Fonte Tasr)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google