Slota: la partecipazione al Governo di Fico è stata umiliante

Il leader nazionalista Jan Slota, presidente del Partito Nazionale Slovacco (SNS) ha confessato ieri al programma di TV Markiza ‘Na Telo’ di essere stato assolutamente insoddisfatto del trattamento che il suo partito SNS ha ricevuto dall’ex Premier Robert Fico nel precedente Governo, ma ha scelto di rimanere comunque in coalizione con Smer-SD – non per amore del potere, ma per contrastare gli ungheresi del partito etnico SMK che, ha detto, sarebbero potuti entrare al posto di SNS. Slota ha ha ammesso che la posizione di SNS in quel Governo è stata umiliante, ma, ha det riferendosi all’attuale guida del Paese, «è ancora più umiliante avere un partito politico etnico ungherese in un Governo [slovacco] che fa concessioni sopra della media a scapito della Nazione slovacca, e che aiuta la Repubblica di Ungheria», ha detto Slota. «Questo è ancora più umiliante – non solo per me ma per l’intera Nazione slovacca».

SNS, che è fortemente critico verso la legge sull’uso delle lingue minoritarie che nella sua nuova versione sarà discussa in Parlamento questo mese, sta raccogliendo per una petizione che chiede che la slovacca sia dichiarata l’unica lingua della Pubblica amministrazione in Slovacchia. Secondo Slota il partito ha raccolto tra le 72 e le 75.000 firme.

Parlando di uno dei maggiori scandali che hanno visto protagonista il suo partito (quello del cosiddetto “appalto dell’albo”), Slota ha detto che se l’ex Ministro delle Costruzioni (oggi deputato SNS) Igor Stefanov potesse farlo, rinuncerebbe immediatamente alla sua immunità parlamentare per agevolare le indagini, ma la legge non lo permette. Slota ha detto che l’interesse di SNS è che il caso sia risolto, ma non con i metodi del Ministro dell’Interno Daniel Lipsic (Cristiano Democratici / KDH), cioè chiedendo al Parlamento un voto per togliere a Stefanov la sua immunità. «Lipsic si sta comportando come un pubblico ministero, un giudice, una giuria e un boia», ha detto Slota. «Non lasceremo che questo accada. Questo non ha niente a che fare con la vera democrazia», ha annunciato, sottolineando che nessuno ha rubato soldi pubblici nel caso in questione.

Per quanto riguarda la sua presunta ricchezza (multimilionaria, si dice), Slota afferma che ci siano politici nella Coalizione di Governo che sono molto più ricchi di lui, come il Presidente del Parlamento Richard Sulik (Libertà e Solidarietà / SaS), ad esempio. E i numeri della sua ricchezza, dice Slota, non sono altro che menzogne pubblicate dai media. «Se qualcuno mi può mostrare quei miliardi [di corone], io glieli regalo», ha affermato, aggiungendo che tutto ciò di cui egli è proprietario sono due automobili. «Se non possiedo una cosa, allora non è mia», ha detto, rifendosi a case, barche e un aereo di cui avrebbe l’uso ma che non ufficialmente possiede. Ed ha accusato i media slovacchi – inclusa TV Markiza – di «rappresentare Slota a tutti i costi come persona volgare che ha rubato miliardi in modo anormale».

Secondo la conduttrice del programma, la nota giornalista Zlatica Puskarova, Slota era da solo al programma (che di solito ospita due politici per un confronto Governo/opposizione), perché nessun altro politico ha voluto apparire con lui.

Riguardo al futuro, Slota ha detto che è pronto a far parte di un nuovo Governo se quello attuale dovesse saltare in anticipo. Ma non entrerebbe mai in un Gabinetto con un partito di etnia ungherese (al momento l’unica formazione in Parlamento che faccia riferimento alla minoranza ungherese è il conservatore Most-Hid di Bela Bugar) o con i liberali di SaS (Libertà e Solidarietà) «perché è sicuro come l’inferno che noi non sosteniamo i matrimoni omosessuali, per non parlare della possibilità degli omosessuali di adottare un bambino», ha detto Slota. «In nessun modo sosterremo tali perversioni o la depenalizzazione della marijuana». In ogni caso, Slota non prevede elezioni anticipate: «Questo non accadrà».

Slota ha infine criticato il Ministro degli Affari Esteri Mikulas Dzurinda per aver affermato, dopo l’incontro con il suo omologo ungherese Martonyi la scorsa settimana, che la Costituziona ungherese non ha effetti extraterritoriali, cosa «incredibile e assurda». Slota si è detto certo che prima della fine del suo mandato elettorale il Premier ungherese Viktor Orban chiederà l’autonomia per il sud della Slovacchia, dove in certe zone gli ungheresi sono la maggioranza.

(Fonte TASR)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google