La campagna per sensibilizzare i consumatori sui cibi slovacchi è solo agli inizi

I negozi in Slovacchia, scrive il quotidiano Sme di ieri, hanno iniziato a promuovere maggiormente i prodotti slovacchi, ma questo non sembra avere aumentato le loro vendite finora. Mentre un chilo di pomodori del Belgio può costare circa 1 euro e 50, i pomodori coltivati ​​in Slovacchia sono più costosi di 50 centesimi. I rivenditori sostengono che la scarsa domanda di prodotti slovacchi non è solo causata dal loro prezzo, ma anche dalla mancanza di informazione tra i consumatori. «Abbiamo incontri con i dettaglianti e stiamo cercando di promuovere prodotti alimentari di origine nazionale. È una questione di tempo che la campagna si rifletterà nella pratica quotidiana dei consumatori e le cifre cambieranno notevolmente», ha detto Milan Semancik, capo della Camera slovacca dell’agricoltura e dell’alimentazione (SPPK), aggiungendo che la Slovacchia è piuttosto indietro rispetto ad altri Paesi in questo campo.

I rivenditori affermano che i prodotti importati dall’estero e in bella mostra presso i negozi non sono sempre della migliore qualità. «Così, i produttori slovacchi sono svantaggiati rispetto a quelli stranieri», ha detto Gabriel Csollar di COOP Jednota Slovensko. I prezzi più elevati dei prodotti slovacchi sono principalmente causati dal fatto che il mercato è molto più piccolo, per esempio, di quello polacco. Inoltre, alcuni Paesi dell’Unione Europea applicano alla produzione agroalimentare norme igieniche meno severe.

La breve inchiesta di Sme è stata fatta a seguito della campagna di promozione, partita per la verità appena all’inizio di questo mese (ma che dovrebbe durare almeno due mesi), che  l’Associazione slovacca per il commercio e il turismo (ZOCR) ha pensato per aumentare lo spazio sugli scaffali della grande distribuzione slovacca dedicato a prodotti di origine nazionale. Il progetto “Qualità dalle nostre regioni” coinvolge produttori, catene commerciali, media, gruppi di interesse e della società civile, che, tutti insieme, cercheranno un sistema per aumentare la percentuale di prodotti slovacchi sugli scaffali.

Il progetto, che nelle intenzioni dovrebbe durare per quattro anni, è anche concepito per aiutare i consumatori a migliorare le loro conoscenze sul cibo che consumano. E si basa anche su ricerche, come quella uscita da poco dell’Agenzia di ricerche di mercato GFK Slovakia, che dimostrerebbero che gli slovacchi (il 72% di loro) sono disposti a pagare di più per alimenti (di qualità) di produzione nazionale. Allo stesso tempo, la ricerca GFK ha dimostrato che un terzo degli slovacchi non distingue al primo sguardo il cibo slovacco da uno di importazione, ma l’84% di loro dice di dedicare attenzione alle origini geografiche di un prodotto alimentare e vuole vedere più prodotti slovacchi nei negozi. La maggioranza del campione di consumatori sentiti (il 93%) ha affermato che vuole vedere i prodotti slovacchi più in vista nei negozi, e preferirebbero anche vedere una gamma più ampia di prodotti nazionali in offerta nelle catene al dettaglio. Gli intervistati dichiarano in particolare di sentire la mancanza sugli scaffali di frutta, verdure, carni e latticini freschi di produzione slovacca.

(Fonte Sme, TASR)

1 comment to La campagna per sensibilizzare i consumatori sui cibi slovacchi è solo agli inizi

  • DONATELLA

    A Kosice nei centri commerciali la verdura è veramente poca, poco varia e poco invitante, ho trovato solo cavoli ed un tipo di insalata che sembrava plastificata, non c’erano fagiolini, pomodori, erbette, zucchine, rapanelli, eppure c’è tanta campagna da coltivare, come mai non viene coltivata ad ortaggi?

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google