L’Associazione Polonus invita i polacchi a dichiararsi tali al Censimento in Slovacchia

L’associazine civile Polonus lancia una campagna per persuadere i polacchi in Slovacchia a segnalare la propria nazionalità polacca nell’imminente Censimento, ha detto Martedì il direttore della Polonus Katarina Bielikova. I dati attuali sul numero di persone di nazionalità polacca in Slovacchia non è realistico, ha commentato. «Sfortunatamente l’ultimo Censimento non includeva l’opzione di dichiarare la nazionalità polacca, così la maggiorparte dei polacchi ne ha dichiarato un’altra. Questa è una delle ragioni per cui la minoranza polacca ha sussidi più bassi; per esempio per le attività culturali», ha detto.

Secondo la Bielikova, il maggiore obiettivo della campagna è di ridurre il divario tra il numero di persone che si dichiarano polacchi e il numero reale di polacchi che vivono in Slovacchia.

Il numero ufficiale dei polacchi in Slovacchia è di 2.000 persone. «Personalmente penso che la cifra sia parecchie volte maggiore. Basti guardare nelle regioni di Kysuce o Orava, dove uno su tre o quattro cognomi suonano polacco e le persone spesso parlano con accento polacco. Essi tengono molto anche ai loro nonni che vennero dalla Polonia. Noi vogliamo aiutarli a farli tornare alle radici della propria nazionalità», ha aggiunto.

L’operazione dei polacchi viene dopo altre campagne lanciate nelle ultime settimane per spingere gruppi etnici e religiosi a farsi avanti e dichiararsi come tali (ungheresi, cattolici e evangelici sono stati oggetto delle maggiori campagne). In ballo, naturalmente, contributi pubblici ai loro gruppi.

(Fonte TASR)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google