I doganieri slovacchi ricevono radio-detectors dagli Stati Uniti

I doganieri della Slovacchia hanno ricevuto 5 nuovi rivelatori per identificare e misurare le radiazioni e localizzare materiali radioattivi durante le ispezioni pubbliche di veicoli, persone e beni, ha detto Maria Machova, capo del Direttorato della Dogana. «Si tratta di un regalo dal Governo degli Stati Uniti, in seguito a una precedente cooperazione. Il dono include anche la formazione e l’assistenza, così che la nostra amministrazione non dovrà sostenere spese per questi dispositivi», ha detto la Machova.

I nuovi rivelatori sono stati consegnati alle Dogane ieri dai rappresentanti dell’Ambasciata americana in Slovacchia. L’Ambasciatore statunitense Theodore Sedgwick ha espresso fiducia che i sofisticati apparecchi – che possono operare facilmente e perciò essere usati in diverse situazioni – contribuiranno a salvaguardare la sicurezza pubblica in Slovacchia.

I dispositivi sono in grado di identificare immediatamente materiale radioattivo lanciando un segnale di allarme. Sono resistenti ad alte temperature, umidità, impatto e vibrazione.

La questione radioattività è tornata di forte attualità dopo l’emergenza nucleare in seguito agli incidenti nella centrale atomica di Fukushima, nel Giappone nord-orientale. Le Dogane slovacche hanno allertato tutti i loro uffici di predisporre i massimi controlli per l’eventuale contaminazione radioattiva all’ingresso di merci, soprattutto di quelle di provenienza giapponese.

(Fonte TASR)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.