Banche: nessuna ragione per una nuova imposta, le banche già versano tasse per 267 milioni

Le banche hanno versato 266,90 milioni di euro in imposte dirette e indirette nel bilancio dello Stato della Slovacchia lo scorso anno, ha affermato ieri l’Associazione bancaria slovacca (SBA). Del totale, 173,40 milioni di euro erano imposte sul reddito, mentre il resto era composto di imposte indirette, tasse indetraibili e IVA.

«Questo denaro finisce nel bilancio dello Stato come reddito disponibile. Più sono alti i profitti del settore, maggiori sono le tasse che paghiamo a favore del bilancio. Quindi non capiamo l’iniziativa del Ministro delle Finanze Ivan Miklos di introdurre un’altra imposta, straordinaria, sulle banche», ha detto il direttore esecutivo dell’Associzione Ladislav Uncovsky.

L’idea della riscossione di un’imposta speciale sulle banche dal 2012 è presente sul Programma di Stabilità della Slovacchia per gli anni 2011-2014. Secondo Miklos, le entrate della tassa speciale dovrebbero finire in un fondo altrettanto speciale, che potrebbe servire per il salvataggio di istituti bancari in difficoltà. I banchieri sottolineano che le banche operanti in Slovacchia sono sane, gestiscono le operazioni commerciali con prudenza e, a differenza di altri Paesi europei, la Slovacchia non ha dovuto spendere miliardi per salvare gli istituti finanziari nel bel mezzo della crisi.

(Fonte TASR)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.