Sanità: i costi in farmacia e negli ospedali non caleranno per i pazienti, anzi

Due notizie che fanno a pugni con l’andare incontro alle esigenze dei pazienti slovacchi, soprattutto quelli di classi sociali povere, sono uscite sui giornali nei giorni scorsi. Anche se le aziende farmaceutiche hanno recentemente ridotto i prezzi dei farmaci, i pazienti in Slovacchia pagano di più in farmacia, ha scritto il quotidiano Pravda. La ragione è la riduzione della copertura da parte degli assicuratori sanitari del prezzo al pubblico dei medicinali. È interessante notare, scrive il giornale, che se il produttore abbassa il prezzo di un farmaco, gli assicuratori sanitari riducono ancora di più la loro copertura. Pertanto, la modifica della legge sull’estensione delle cure sanitarie, attualmente in esame presso i Ministeri, potrà difficilmente abbassare i prezzi finali dei farmaci, nota il quotidiano.

L’altra notizia – negativa – è che un giorno in ospedale potrà costare ai pazienti circa 10 euro nel prossimo futuro, dato che i deputati della Coalizione di Governo hanno espresso un approccio accomodante per la proposta, rivelata dagli ospedali, come affermava Venerdì il quotidiano Sme con richiamo in prima pagina. La quota a carico dei pazienti dovrebbe includere vitto e “alloggio” (ovvero l’uso del letto) in ospedale. Il Ministro della Salute Ivan Uhliarik (KDH) ha appena detto che non vuole vedere il ripristino delle tasse da 20 e 50 corone che erano state introdotte dall’ex Ministro Rudolf Zajac (2002-2006), e prontamente abolite dal Premier Robert Fico (Smer -SD) appena salito al Governo, a causa della loro enorme impopolarità.

Le associazioni degli ospedali dovrebbero discutere la questione con il Ministero della Salute questa settimana.

(Fonte Pravda, Sme)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.