Al Boccaccio di Nitra ieri una cena benefica per i 150 anni d’Italia

Oreste Calzolari con presidente e vicepresidente dell'Associazione Homo Nitriensis

Ieri sera, in occasione del 150° anniversario dell’unificazione dell’Italia, si è tenuta a Nitra una cena benefica, organizzata dall’AIRS (Associazione Italiana Ristoratori in Slovacchia), alla quale hanno partecipato anche membri in vista della comunità italiana in Slovacchia. Tra loro molti rappresentanti delle istituzioni, a partire dal dr. Roberto Rizzo, Primo segretario dell’Ambasciata d’Italia, la prof. Teresa Triscari, direttore dell’Istituto Italiano di Cultura, l’addetto consolare Valentino Mossi. Presenti molti imprenditori italiani, e con loro anche il prossimo Segretario generale della Camera di Commercio Italo-Slovacca (CCIS), Giorgio Dovigi, oltre al dr. Luceri, lettore presso l’Università Comenius di Bratislava.

Alla cena, che si è tenuta presso l’italiano Ristorante Boccaccio, sono intervenute anche personalità della città di Nitra, primo dei quali il Sindaco Jozef Dvonc, oltre ad amici dell’Italia e benefattori locali.

Nell’occasione, il gestore del ristorante Oreste Calzolari e l’associazione benefica locale “Homo Nitriensis” hanno raccolto la cifra di 1.190,00 euro, che andranno a favore dei bambini orfani e bisognosi.

«L’associazione Homo Nitriensis è stata fondata nel 1992 come organizzazione non-profit, con la missione principale di un’azione umanitaria e di sostegno, concentrata sulle categorie più svantaggiate, specialmente le persone con bambini e adulti gravemente disabili, i bambini degli orfanotrofi, gli utenti di strutture di servizio sociale. Le risorse per finanziare le attività umanitarie provengono in gran parte da donazioni di sponsor da risorse acquisite attraverso la vendita di prodotti e alimenti fatti in casa in occasione di manifestazioni pubbliche quali mercatini di Natale, e altre sagre locali (Majales, Fasiangy, eccetera)», ci dice la presidente Margita Stefanikova. La quale intende, anche tramite il nostro giornale, ringraziare i principali donatori della raccolta: il Comune di Nitra, l’Associazione Ristoratorii Italiani in Slovacchia, il Ristorante Boccaccio, l’assicuratore sanitario Dovera, l’azienda Megaspol e la Regione di Nitra.

Il Ristorante Boccaccio, aperto a Nitra nel 1997 dall´attuale propietario Oreste Calzolari, discendente di una famiglia di ritoratori bolognesi, è gestito con pignoleria maniacale badando alla qualità dei cibi, alla grande scelta dei vini e all’ospitalità riservata ai clienti. La pasta preparata sul posto con materie prime italiane di eccellenza, le carni attentamente selezionate trovano nella cucina di Boccaccio una sublimazione che ne esalta qualità e gusto. Nel weekend è disponibile anche pesce, fresco e italiano, e nella terrazza coperta si può mangiare la classica pizza – simbolo supremo di italianità – cotta nel forno a legna. Boccaccio, membro dell’Associazione Italiana Ristoratori in Slovacchia, si vanta di essere l’unico ristorante a Nitra che si possa fregiare del nome di Tipico Ristorante Italiano.

(Loris Colusso)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google