Morto Popluhar, miglior calciatore slovacco del 20° secolo

È morto ieri quello che è considerato il miglior calciatore della Slovacchia del 20° secolo, Jan Popluhar, morto Domenica all’età di 75 anni. Popluhar ha giocato nella finale di Coppa del Mondo del 1962, giocata in Cile, nella quale la Cecoslovacchia perse 1:3 col Brasile di Pelé. Due anni prima, Popluhar è stato anche parte del team che ha vinto la medaglia di bronzo al Campionato Europeo.

“Bimbo”, come era soprannominato, è stato un eccezionale difensore (centrale arretrato), ed era conosciuto per la sua pulizia di gioco nell’affrontare i contrasti e il suo senso del fair-play. Per quanto incredibile possa sembrare, non è mai stato espulso e ha visto un solo cartellino giallo in tutta la carriera. Divenne noto per una situazione alla Coppa del Mondo 1962, quando richiamò l’attenzione dell’arbitro su un Pelé infortunato a terra, piuttosto che utilizzare la situazione a proprio vantaggio, e questo fatto, tra gli altri, gli procurò nel 1997 il premio World Fair Play.

Popluhar ha iniziato la carriera nella squadra dello Stella Rossa Brno, e ha giocato 15 stagioni nello Slovan Bratislava, dove ha totalizzato 262 partite e 21 gol. A fine carriera si è spostato allo Zbrojovka Brno e poi in Francia, dove ha giocato con l’Olympique Lione e infine in Austria, dove ha passato cinque anni nel team amatoriale Slovan Vienna come giocatore e allenatore. Ha appeso le scarpe al chiodo a quarantaquattro anni,

Popluhar è il primo giocatore ad essere eletto Calciatore dell’Anno in Cecoslovacchia nel 1965. E nel 2000 venne eletto Calciatore Slovacco del 20° Secolo. Nel 2002 ha ricevuto l’onorificenza di Stato Ludovit Stur di prima classe, consegnatagli dal Presidente della Repubblica Rudolf Schuster.

(Fonte TASR, La Redazione)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.