URSO: per abbassare i prezzi dell’elettricità sono necessarie leggi adeguate

L’Autorità di regolamentazione delle industrie di rete (URSO) ha detto tempo fa che c’era spazio per ridurre i prezzi dell’elettricità, ma la condizione discriminante per poterlo fare è l’adeguamento legislativo necessario, ha detto Venerdì a Tasr il portavoce di URSO Miroslav Luptak. Luptak rispondeva indirettamente alla dichiarazione fatta lo stesso giorno dal Ministro dell’Economia Juraj Miskov. Secondo Miskov, i prezzi dell’elettricità in Slovacchia sono troppo alti, e potrebbero essere ridotti entro questa estate.

Luptak sostiene che le tariffe di URSO possono essere riconsiderata dopo che l’Autorità avrà effettuato le sue valutazioni su alcuni dei dati disponibili. Nel corso di un incontro, avvenuto Giovedi, Miskov e il capo di URSO Jozef Holjencik avevano convenuto della possibilità di ridurre quest’anno le tariffe praticate da URSO.

Il Ministero osservava che la Slovacchia ha tra i prezzi dell’elettricità più elevati in Europa, il che ha un effetto negativo sulla competitività e l’ambiente business. In considerazione di questo, il Ministero vuole continuare a discutere con URSO su come impostare la politica di regolamentazione in modo tale da assicurarsi che l’economia e i cittadini non debbano pagare per decisioni sbagliate e irresponsabili.

Luptak ha respinto per URSO la parte finale della dichiarazione del Ministero. «Tale dichiarazione accusa direttamente URSO di mancanza di competenza. Il Ministro sta ancora dimenticando di dire che la maggior quota di costo sui prezzi dell’elettricità viene dall’impostazione non trasparente dei contributi al Fondo nazionale nucleare e l’incapacità di gestire la costruzione in massa di impianti di energia fotovoltaica, questioni sulle quali URSO non ha potuto avere alcuna influenza», ha detto Luptak.

(Fonte TASR)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google