Janis (SDKU): la privatizzazione del teleriscaldamento non necessita di supervisione straniera

Non sarà necessaria nessuna vigilanza finanziaria internazionale per la vendita dei sei impianti di riscaldamento di proprietà dello Stato, dato che le aziende saranno privatizzate in una grande gara di livello internazionale e il Governo monitorerà la questione con attenzione, ha detto oggi capo della Commissione parlamentare per l’economia Stanislav Janis SDKU-DS a Tasr, ricordando che il tender coinvolgerà imprese straniere. La supervisione internazionale era stata messa sul tavolo per la prima volta dal Primo Ministro Iveta Radicova (SDKU). «Serve a garantire la trasparenza nella selezione», aveva detto il suo portavoce Rado Bato.

La questione della vendita dei sei impianti cittadini di teleriscaldamento di Bratislava, Trnava, Zilina, Martin (regione di Zilina), Zvolen (regione di Banska Bystrica) e Kosice continua a tenere banco e a creare polemiche. Se le amministrazioni locali avevano dato il loro interesse a compartecipare nella gestione delle centrali e a vendere solo una quota di minoranza ai privati, Janis ha detto invece la soluzione migliore sarebbe invece la vendita del 100% in quanto, dice, una sorta di soluzione “ibrida” non sarebbe di alcun beneficio alle società o agli utenti.

Dopo i ripetuti appelli del maggior partito di opposizione Smer-SD, ieri anche l’altra formazione di minoranza, il Partito Nazionale Slovacco (SNS) ha invitato i Sindaci a opporsi alla privatizzazione. «È evidente che se le imprese di riscaldamento cadono in mani private, le spese per il riscaldamento di case e aziende si alzeranno radicalmente», recita una lettera ai Sindaci delle città interessate. Anche se le imprese di riscaldamento non sono elencate come imprese strategiche, Slota ha detto che i proprietari naturali delle centrali sono le città.

L’ex Ministro dell’Economia Lubomir Jahnatek (Smer-SD) conviene con la maggioranza che non sia una buona idea dare il controllo degli impianti alle amministrazioni locali che, ha detto in una dichiarazione a Tasr, «hanno fallito nell’amministrare le società di gestione idrica. I dirigenti di quelle società stanno facendo quello che vogliono», ha detto Jahnatek riferendosi al recente scandalo che affligge la Società Idrica di Bratislava (BVS). Nonostante questo, Jahnatek è fermamente contro la privatizzazione. Secondo lui, le aziende hanno un buon livello di liquidità, che pone le basi per far fronte agli investimenti necessari. E la vendita potrebbe tradursi in un forte rialzo dei prezzi del riscaldamento, ha detto.

Il valore di mercato stimato delle società di riscaldamento è nell’ordine di 160-200 milioni di euro, secondo una analisi elaborata dal Fondo di proprietà nazionale slovacco (FNM).

(Fonte TASR)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google