Ricerca SAV sui bambini rom: a scuola si trovano meglio degli altri

Anche se i bambini rom a scuola tendono ad essere più contenti dei loro compagni, spesso finiscono per dover lasciare presto gli studi a causa della situazione finanziaria delle proprie famiglie, scrive il quotidiano Pravda nell’edizione di oggi. Il giornale riporta una ricerca dell’Accademia Slovacca delle Scienze (SAV), che si è svolta nell’ambito del progetto europeo EDUMIGROM, la quale ha confermato anche che i bambini rom non hanno benefici da una suddivisione in gruppi in base ai risultati, divisione che però le scuole sono spinte a fare su pressione dei genitori dei bambini non-rom.

Il progetto ha riguardato 15.000 studenti in due distretti slovacchi socialmente svantaggiati – non specificati – in cui circa il 70% dei genitori rom coinvolti erano senza lavoro, mentre il resto erano in una condizione più prospera. 800 bambini in 27 scuole hanno partecipato attivamente alla ricerca.

«L’indagine ha confermato che i risultati scolastici dei bambini dipendono più dal livello di istruzione dei genitori che dall’etnia», ha detto Zuzana Kusa della SAV. Si è scoperto che i bambini rom hanno più probabilità di considerare la scuola un ambiente piacevole rispetto ai bambini non rom, e che è meno probabile che si lamentino dei loro insegnanti. Questo, però, può anche essere dovuto al fatto che i loro insegnanti tendono ad aspettarsi di meno da loro.

La ricerca ha dimostrato inoltre che i bambini rom e non rom non hanno la tendenza a mescolarsi o diventare amici tra di loro. Ciò può essere dovuto in parte al fatto che di solito finiscono in classi diverse, ma i ricercatori hanno anche riferito che alcuni genitori non rom chiedono in realtà agli insegnanti di ridurre al minimo i contatti tra i propri figli e gli alunni rom.

(Fonte Pravda)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google