Nessuna soluzione per gli insediamenti Rom, la Radicova attacca il Governo

Secondo Iveta Radicova, leader del partito all’Opposizione SDKU-DS, il Governo non è riuscito in quattro anni a trovare soluzioni degne di questo nome per agevolare la vita dei Rom. Piuttosto, ha detto la Radicova Martedì a Kosice, le loro condizioni sono peggiorate. Ha poi aggiunto: „il Governo non solo non ha provveduto a trovare misure e progetti per migliorare la situazione, ma ha anche fermato quelle iniziative che erano state promosse dal precedente Governo“. La Radicova ha poi elencato la situazione dei campi nomadi: erano 620 fino al 2006, mentre nei successivi quattro anni il numero è aumentato fino a 691. Dure critiche anche per il vice premier Dusan Caplovic, deputato a curare l’aspetto “diritti umani e minoranze etniche” in Slovacchia. La Radicova ne ha infatti evidenziato le lacune durante l‘ultima legislatura: „un fallimento“ ha dichiarato. Ciò che più sconcerta, secondo la leader dell’SDKU, è che il precedente Governo era riuscito a ottenere dall’Unione Europea dei fondi, pari a 6,63 milioni di euro, per gli insediamenti Rom, ma evidentemente non sono poi stati utilizzati per questo progetto. La Radicova ha poi concluso il suo discorso, individuando nell’educazione pre-scolare dei bambini Rom il punto di partenza per un miglioramento sostanziale delle loro abitudini e stile di vita.

(Fonte TASR, a cura di Marco Monterosso)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.