Vahostav a Bratislava sta costruendo anche un eliporto abusivo

Stadio Nazionale di Hockey su ghiaccio (foto del dicembre 2010)

L’impresa edile Vahostav di proprietà dell’influente imprenditore Juraj Siroky ha di nuovo dimostrato che non si preoccupa di attendere le autorizzazioni prima di avviare i lavori di costruzione, scrive oggi il quotidiano Sme con richiamo in prima pagina. Vahostav ha iniziato i lavori di costruzione di un eliporto, collegato a un albergo costruito dalla stessa società, vicino allo stadio nazionale di hockey su ghiaccio a Bratislava, senza ottenere prima il permesso, che deve venire dall’Autorità di controllo del traffico aereo, il cui ufficio è a conoscenza del progetto ma non ha dato il permesso per portarlo avanti. L’ufficio edilizia del municipio di Bratislava-Nove Mesto si oppone infatti al progetto di eliporto, osservando che si trova in una zona densamente abitata.

Già l’hotel, costruito di fianco al nuovo stadio (anche questo costruito da Vahostav) che ospiterà parte delle gare dell’imminente Campionato del Mondo nel Maggio di quest’anno, era stato iniziato senza permessi, richiesti soltanto dopo che nel Marzo 2010 i media ne hanno parlato. Nell’Agosto 2010 le autorità di Bratislava hanno comminato una multa all’azienda per la costruzione di dodici piani dell’hotel, che dovrebbe essere aperto a brevissimo. La sanzione per la società, il cui capo Juraj Siroky è alla testa della Federazione hockey su ghiaccio, non è stata resa nota, ma secondo alcuni organi di stampa potrebbe arrivare fino ad un massimo di 165 969,59 euro, il che vorrebbe significare nemmeno 14 mila euro per ogni singolo piano…

Proprio qualche settimana fa il Premier Iveta Radicova (SDKU) ha affermato che la costruzione abusiva di edifici deve essere trattata alla stregua di un crimine, e per questo il Ministro della Giustizia Lucia Zitnanska (SDKU) starebbe già lavorando alla modifica della legislazione, anche se comunque «si tratta di una questione complessa». Il Ministro degli Interni Daniel Lipsic (KDH), avrebbe anche l’idea di istituire forze di Polizia specializzate in questo settore, una potenziale ‘Polizia edilizia’. Secondo alcuni membri di Coalizione la cosa, pur riscuotendo consensi, non è però ancora stata discussa a livello collegiale. Al momento chi attiva costruzioni senza permesso rischia soltanto delle multe, e di solito di importi risibili rispetto al valore degli immobili in questione. Gli edifici costruiti illegalmente solo raramente vengono abbattuti. L’iniziativa della Radicova rientra nell’ambito della lotta alla corruzione.

(Fonte Sme, La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google