Codice del Lavoro: prima bozza sottoposta al Tripartito dal Ministero del Lavoro

Il Ministero del Lavoro ha presentato ieri la prima stesura della sua proposta per il nuovo Codice del Lavoro a una sessione del Tripartito, gruppo di lavoro di Governo, rappresentanti dei lavoratori e delle imprese. Secondo il Primo Ministro Iveta Radicova (SDKU-DS), il nuovo Codice del Lavoro introduce un più elevato livello di tutela dei dipendenti e ridurrà la burocrazia. «Stiamo introducendo un “emendamento genitorialità”, uno strumento per armonizzare lavoro e famiglia», ha detto la Radicova nel corso di una conferenza stampa tenuta ieri. Le modifiche mirano ad introdurre orari di lavoro più flessibili, un congedo parentale che può essere suddiviso in più periodi e la possibilità di creare posti di lavoro condivisi da più di un dipendente.

Secondo la Radicova, le modifiche alla legislazione del lavoro intendono «proteggere coloro che hanno bisogno della maggiore tutela». Il livello di protezione sarà anche connesse alle qualifiche, al salario e al numero di anzianità presso l’azienda. «Più basso è il salario – e più bassa la posizione all’interno dell’azienda – maggiore sarà il livello di tutela per il dipendente», ha detto. Le misure di protezione includono, per esempio, la riduzione del periodo di prova da tre mesi a uno.

Il primo commento dei sindacati è stato di apertura: «apprezziamo le informazioni date dal Primo Ministro. Si tratta di questioni delle quali possiamo parlare», ha detto il presidente della Confederazione dei sindacati (KOZ), Miroslav Gazdik. Mentre Marian Jusko, presidente dell’Unione sindacale dei datori di lavoro slovacchi (RUZ), non ha voluto commentare la proposta, giustificandosi di averla vista soltanto ieri per la prima volta.

(Fonte TASR)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.