Min. Finanze: divieto contanti per pagamenti oltre 3.000 euro. Imprese: almeno dieci volte tanto

Il piano del Ministero delle Finanze di introdurre il divieto di pagare in contanti nei rapporti commerciali per gli importi che superano i 3.000 euro ha incontrato critiche da parte degli imprenditori e del Ministero della Giustizia. La manovra intende fissare un tetto massimo per le transazioni in contanti come una delle sue misure di lotta contro frodi ed evasione fiscale. Secondo l’Associazione degli imprenditori della Slovacchia, il limite proposto è inadeguatamente basso. Commentanto il concetto della lotta contro le frodi all’imposta sul valore aggiunto, l’associazione sostiene che nella pratica commerciale vi sono ancora situazioni nelle quali un pagamento in contanti non ha reali alternative. Loro ritengono che un limite saggio ed accettabile sia oltre i 30.000 euro.

(Fonte webnoviny)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.