Le cliniche universitarie di Bratislava non faranno più aborti

Dal 1° Febbraio tutte e tre le cliniche che rientrano sotto il controllo dell’Ospedale Universitario di Bratislava smetteranno di effettuare aborti anche prima della 12esima settimana di gravidanza. Il quotidiano Pravda, che ha riportato la notizia nella sua edizione di Martedì, ha avuto conferma di questo dai medici che lavorano negli ospedali di Kramare e Antolska (Petrzalka). I medici hanno detto che questa è una decisione non ufficiale alla quale dovranno attenerdi, anche se non tutti gli oltre 80 ginecologi che lavorano per l’ospedale hanno fatto obiezione di coscienza sugli aborti.

Il Ministro della Salute Ivan Uhliarik (Cristiano Democratici / KDH) non ha commentato quando interpellato dal quotidiano, né lo ha fatto alcun altro rappresentante KDH. Nemmeno il Premier Iveta Radicova (SDKU-DS) ha voluto commentare.

Preoccupazioni sono state invece espresse da partner di Coalizione di KDH. Il deputato di Libertà e Solidarietà (SaS) Martin Poliacik ha detto che concorda con il diritto all’obiezione di coscienza, ma l’intenzione di esercitarlo deve essere chiaramente indicata nel contratto di lavoro prima di prendere il posto, e non essere lasciata ipotesi successive. Anche Most-Hid ha espresso le sue riserve con il deputato Gabor Gal che ricorda che gli aborti prima della 12esima settimana di gravidanza sono consentiti dalla legge, dunque dovrebbero essere fatti anche in strutture sanitarie statali.

L’Ospedale Universitario respinge le accuse che la nuova politica in materia di aborti sia stata introdotta sulla base di una richiesta o invito del Ministro della Salute Ivan Uhliarik (KDH), come ha affermato in seguito il portavoce dell’ospedale Zuzana Cizmarikova. «La direzione ha semplicemente armonizzato le politiche sanitarie dell’ospedale», ha detto, aggiungendo che nella pratica le donne preferiscono avere aborti in cliniche private, e ci sono altre sei istituzioni mediche a Bratislava che li effettuano.

Il Ministro ha poi ieri ha negato un suo intervento nella faccenda. «Non è stata fatta nessuna pressione o raccomandazione», ha detto il Uhliarik a margine della seduta del Governo ieri, che ha espresso comprensione per i medici che rifiutano di effettuare aborti a causa delle loro convinzioni religiose, e ha fatto notare che egli accoglie con favore la decisione di alcuni medici di non impegnarsi nella pratica dell’aborto. «Anche il giuramento di Ippocrate si riferisce a questo, quindi non è un capriccio di qualche partito politico», ha detto. A sentire Uhliarik, L’Ospedale Universitario di Bratislava continuerà ad effettuare aborti per motivi di salute, mentre nelle strutture private non si farà alcuna restrizione per gli aborti, ha aggiunto.

(Fonte TASR)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google