L’ex Sindaco Durkovsky è fuori da KDH. Rimane deputato, indipendente

L’ex Sindaco di Bratislava Andrej Durkovsky ha lasciato Lunedì sera il Movimentro Cristiano Democratico (KDH), a seguito di una riunione della direzione del partito che gli ha chiesto conto dei presunti scandali legati ai suoi ultimi giorni come Sindaco. Eletto a Giugno deputato nelle file KDH, da ora sarà il primo parlamentare independente nell’attuale Parlamento. Durkovsky avrebbe accettato di rinunciare alla tessera del suo partito per non danneggiarlo. «Non è mio interesse nuocere a KDH», ha detto all’uscita da sei ore di colloqui con il presidio del partito, informando di averci già pensato ancora prima dell’incontro, e che questa era la cosa giusta da fare. Rispondendo alle domande dei giornalisti appostati, con una flemma che lasciava comunque trasparire grande tensione, ha però anche detto che ha intenzione di ripresentare la sua richiesta di adesione ai Cristiano Democratici dopo che la situazione che lo riguarda sarà chiarita. E ha assicurato che nel frattempo, anche da indipendente, sosterrà il Governo di Iveta Radicova, comportandosi di fatto come membro della Coalizione (questa Coalizione ha infatti appena quattro seggi di maggioranza, e ogni uomo è cruciale per la tenuta del Governo). «Appoggierò tutte le proposte ragionevoli che saranno portate all’esame del Parlamento», ha affermato.

Durkovsky, incalzato dai giornalisti, ha ammesso che un membro – non citato – del presidio KDH ha espresso l’opinione che egli dovrebbe anche dimettersi da deputato, ma lui ha sostenuto di aver ricevuto un mandato diretto dagli elettori, e perciò non ritiene di dover lasciare il Parlamento.

Il presidente di KDH Jan Figel – anche lui visibilmente teso – ha dichiarato di credere che Durkovsky saprà spiegare compiutamente le sue azioni come Sindaco, e spera che potrà di nuovo ricongiungersi al partito il più presto possibile.

Le questioni che hanno portato il partito a prendere questo provvedimento riguardano principalmente l’Azienda Idrica di Bratislava (BVS) e l’edificio per gli eventi culturali PKO. Per quanto riguarda la prima, l’attuale Sindaco Milan Ftacnik ha accusato il suo mangement di averla spogliata con un’azione di tunneling, una frode che, pur a fronte di un aumento dell’acqua erogata, ha portato a fatturare meno, e ad approfondire le perdite finanziarie.

L‘altra questione concerne i pieni poteri che Durkovsky ha concesso alla società Henbury Development per abbattere l’edificio del centro culturale PKO, nonostante molte proteste provenienti da vari ambienti, e lo abbia fatto con un atto firmato il 24 Novembre, appena tre giorni prima delle ultime elezioni comunali alle quali Durkovsky non si era ricandidato. Il sospetto – da provare – è che l’ex Sindaco abbia agito per conto proprio, senza un mandato del Consiglio comunale.

Il Sindaco attuale Milan Ftacnik (indipendente, con il sostegno di Smer-SD), pur rifiutando di commentare ulteriormente, ha detto che rispetta la decisione politica di Durkovsky di lasciare KDH.

(Fonte Pravda, La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google