Cittadinanza: in 25 hanno perso quella slovacca. Matovic e KDH non sono d’accordo con la Coalizione

Secondo il quotidiano Pravda, sono 25 le persone che hanno perso la cittadinanza slovacca dal 17 Luglio 2010, data di entrata in vigore della nuova legislazione che prevede che coloro che chiedono la cittadinanza di un altro Paese perdono la loro cittadinanza slovacca. Solo una delle 25 persone di cui sopra ha però effettivamente richiesto la cittadinanza ungherese.

La normativa in questione è stata introdotta dal precedente Governo quale risposta alla nuova legge ungherese che offre con molta più facilità l’acquisizione della cittadinanza ungherese alle persone di etnia magiara che vivono in altri Paesi. Questo vale per la forte minoranza che vive in Slovacchia (10% circa), ma anche per altre che vivono in Romania, Serbia o Slovenia. Nonostante le proteste dei Paesi interessati, l’Ungheria sta andando avanti per la sua strada, e anche le recenti visite a Bratislava del Premier magiaro Viktor Orban e del Presidente Pal Schmitt non hanno portato a nessun cedimento sulla linea dura del Governo ungherese.

La nuova Coalizione slovacca al Governo, di centrodestra, aveva promesso di modificare la legislazione slovacca entro la fine dell’anno scorso, ma i quattro partiti che compongono la maggioranza non hanno ancora raggiunto un accordo sul testo, ma in linea generale la Coalizione intenderebbe rimuovere l’automatismo legislativo, impedendo che si perda la cittadinanza slovacca semplicemente richiedendone un’altra.

Al riguardo, pochi giorni fa Igor Matovic, leader del gruppo di quattro deputati denominato “Gente Ordinaria”, che è stato eletto nelle file del liberale SaS, ha dichiarato che i suoi uomini non sosterranno l’emendamento alla legge sulla cittadinanza proposto dalla Coalizione, ora all’esame del Parlamento. Matovic sostiene che una posizione troppo accomodante, un guardare dall’altra parte, non è l’atteggiamento giusto da tenere con l’Ungheria, è come quando «i bambini piccoli si coprono gli occhi e dicono che l’uomo nero non esiste». Matovic sostiene che la legge dovrebbe permettere la doppia cittadinanza soltanto a chi in un altro Paese vive, lavora, studia, fa impresa o ha forti legami familiari. Dunque la perdita della cittadinanza slovacca riguarderebbe soltanto chi non può dimostrare di possedere questi requisiti.

La cosa assomiglia alla proposta avanzata dal partito della sinistra Smer-SD alla legge che lo stesso ha imposto lo scorso anno. Smer ammette che la doppia cittadinanza dovrebbe essere lasciata a coloro che in un altro Paese hanno la residenza almeno sei mesi all’anno.

Il differenziarsi dei quattro deputati che fanno capo a Matovic – l’enfant terrible del Parlamento, colui che è stato schiaffeggiato da Anna Belousovova (SNS) per una presunta offesa ed è quasi arrivato alle mani con l’ex Ministro degli Interni Robert Kalinak (Smer) – è cruciale per la Coalizione. Senza quei quattro voti, infatti, il quadripartito di centrodestra non ha maggioranza.

Del resto anche i Cristiano Democratici di KDH non sono particolarmente d’accordo con l’attuale versione della maggioranza, e ritengono che la cittadinanza di uno Stato estero non deve essere conferita a cittadini slovacchi in violazione del diritto internazionale e delle norme di rispetto generale per quanto riguarda la cittadinanza dello Stato.

Il deputato di Most-Hid Gabor Gal, che ha presentato la proposta, ieri in Commissione costituzionale si è difeso dall’accusa del deputato Miroslav Ciz (Smer-SD) di tutelare gli interessi ungheresi, e ha sottolineato che «solo perché gli ungheresi passano qualche legge che agli slovacchi non piace non significa che dobbiamo punire per questo i cittadini slovacchi».

(La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google