Barometro IVO: qualità della democrazia in crescita, ma meno del previsto

La qualità della democrazia in Slovacchia è migliorata un poco nel trimestre finale del 2010, di 0,3 punti rispetto al trimestre precedente, ha annunciato il think-tank Istituto Affari Pubblici (IVO) ieri in un conferenza stampa, presentando i risultati del “Barometro IVO” per il quarto trimestre 2010. L’indice calcolato dall’Istituto ha raggiunto il grado di 2,8 su una scala che va da 1 a 5, dove 1,00 rappresenta lo stato ottimale della democrazia secondo i criteri della UE e del Consiglio d’Europa. «Il miglioramento del rating è lento, forse più lento del previsto», hanno rilevato gli analisti di IVO.

Secondo il politologo Grigorij Meseznikov, presidente di IVO, la situazione è ancora peggiore in certi settori di quanto non fosse prima che il precedente Governo (di Smer-SD, LS-HZDS e Partito nazionale slovacco / SNS), prendesse il potere nel 2006, «nonostante le ambizioni del nuovo Governo [di centrodestra] di rimuovere queste deformazioni», ha detto Meseznikov, apprezzando comunque il fatto che il numero di emendamenti approvati con procedura legislativa accelerata è sceso notevolmente.

IVO ha criticato però i problemi gravi che persistono nel sistema giudiziario, con particolare riguardo, ha detto Meseznikov, i conflitti tra il presidente del Consiglio Giudiziario Stefan Harabin e il Ministro della Giustizia Lucia Zitnanska.

Il maggior miglioramento si è visto neli settori della legislazione e dei media, ha detto l’analista Miroslav Kollar di IVO. «Nonostante questo, la categoria dei mezzi di comunicazione è ancora valutata come la peggiore», ha detto, riferendo che ai media indipendenti è stato dato un grado 3. Le relazioni tra media e potere politico sono rapidamente cambiate dopo che il nuovo Governo ha preso il potere, ma «la preparazione e la presentazione di nuove leggi che riguardano il settore dei media è stato lontano dalla procedura standard».

Alla categoria istituzioni democratiche e stato di diritto è stato attribuito un punteggio di 2,75, mentre il settore legislativo è stato valutato a 2,5 e i diritti umani e delle minoranze erano a 2,75.

(Fonte TASR)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.