Radicova: i licenziamenti non basteranno per sanare le tre società ferroviarie

Da settimane i media slovacchi parlano di migliaia di licenziamenti nelle tre società ferroviarie di proprietà dello Stato. Ieri il Primo Ministro Iveta Radicova (SDKU-DS) ha affermato che le dismissioni potranno avvenire solo dopo che sarà redatto dal Ministero dei Trasporti un piano di rilancio del settore, che si prevede potrà essere passato dal Governo alla fine di Gennaio. «Non ci saranno licenziamenti fino ad allora», ha detto la Radicova, aggiungendo che comunque i licenziamenti, di per sé, non sono una soluzione rapida per la difficile situazione in cui si trovano le tre aziende.

Per la Società ferroviaria slovacca / ZSR (che gestisce le infrastrutture), le Ferrovie dello Slovacchia / ZSSK (il gestore del trasporto ferroviario passeggeri), e Cargo Slovacchia (l’operatore di trasporto ferroviario merci), si tratta infatti di un risparmio di „appena“ 60-65 milioni di euro. «Senza ridurre, per esempio, le spese del trasporto merci e senza annullare i contratti esterni, non c’è alcuna possibilità di ripresa», ha detto la Radicova.

Comunque, il Governo sta preparando i licenziamenti, e il Ministro del Lavoro Jozef Mihal (Libertà e Solidarietà / SAS) ha steso un progetto nazionale speciale di dismissione “soft”, che dovrebbe essere realizzato nell’ambito del Fondo Sociale Europeo, per aiutare i lavoratori interessati a trovare nuovi posti di lavoro. «Vorremmo che i dipendenti non fossero registrati all’Ufficio del Lavoro nemmeno per un solo giorno», ha detto la Radicova.

Al momento, i centri UPSVaR hanno già circa 8.000 posti in offerta per gli ex-ferrovieri che saranno presto senza lavoro. Il Ministro dei Trasporti Jan Figel (KDH) ha detto che lo stato attuale delle società ferroviarie è insostenibile, 200 milioni di euro sono stanziati ogni anno per le ferrovie, e solo 80 milioni per le strade, «ma in realtà l’80% del trasporto avviene su strada, e solo il 20% sulle rotaie. Abbiamo bisogno di cambiare», ha detto.

(Fonte TASR)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.