Imprese: impossibile fare previsioni precise su produzione a lungo termine per le quote CO2

La Slovacchia non ha ancora nuove regole per l’assegnazione gratuita alle imprese di quote di emissione per circa mezzo miliardo di euro. C’è il pericolo che le aziende dovranno comprarsele, ha avvertuto il Ministero dell’Ambente, gestito da Jozsef Nagy (Most-Hid), che ha avviato in Parlamento la proposta di approvare la revisione della legge sul commercio delle quote di emissione con un procedimento legislativo abbreviato. In caso contrario, ci saranno grossi problemi con la ripartizione delle quote per il 2013-20, avverte il Ministero.

Ma nemmeno l’adozione di nuove norme potrà risolvere tutti i problemi. La nuova legislazione cambia completamente il calcolo delle quote di cui necessitano le aziende. Fino ad ora le imprese ricevevano quote basate sulla passata produzione. Con le nuove norme, le imprese dovranno documentare con dati esatti sulla produzione. Dusan Dvorak, portavoce della casa automobilistica Kia Motors Slovakia, sottolinea che in questo modo le imprese avranno l’obbligo di fare stime relativamente precise sulla loro crescita per gli anni 2013-20, il che, afferma, è quasi impossibile, soprattutto considerando lo stato attuale dell’economia globale.

(Fonte HN)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.