La Radicova si chiarisce con Ministro della Salute Uhliarik e gli conferma la fiducia

Il chiarimento che il Ministro della Salute Ivan Uhliarik (KDH) ha avuto ieri con il Primo Ministro Iveta Radicova (SDKU-DS), ha portato il Premier a confermare la sua fiducia nel Ministro. L’incontro è dovuto al possibile trattamento preferenziale che Uhliarik avrebbe riservato alla società farmaceutica Pfizer, per la quale peraltro il Ministro ha lavorato prima di prendere l’incarico di Governo. «Il Ministero ha preso decisioni per l’interesse pubblico e in linea con la legge», recita un comunicato dell’Ufficio del Governo, «e ha fatto in modo che entrambi i vaccini [della Pfizer e di una concorrente] erano disponibili, coperti interamente dagli assicuratori sanitari, riducendo allo stesso tempo i costi per le casse pubbliche».

La Radicova ha comunque chiesto di fare maggiore attenzione alle procedure, per non sollevare inutili sospetti, ed ha detto che sostiene l’iniziativa del Ministero della Salute di razionalizzare le norme per rendere più trasparenti i processi di approvazione dei farmaci, anche chiarendo il calcolo dei loro prezzi sul mercato slovacco.

Il Ministro era stato accusato, in un articolo del quotidiano Sme di Venerdì, di avere firmato in due ore una autorizzazione alla Pfizer che di solito necessita di un centinaio di giorni in media, per l’immissione sul mercato di un vaccino pneumococcico per l’infanzia ad un prezzo concorrenziale con altro vaccino già presente sui prontuari di altra società farmaceutica. Uhliarik ha lavorato in passato per Pfizer (una delle maggiori case farmaceutiche internazionali, quella della famosa pillola blu – il Viagra – per intenderci), e suo fratello è tuttora impiegato nella società. Secondo il leader dell’opposizione Robert Fico (Smer-SD), questa operazione avrebbe fatto guadagnare a Pfizer una decina di milioni di euro.

Secondo gli analisti, il fatto che la Radicova non abbia licenziato il Ministro non dimostrerebbe la sua forza o debolezza. Il sociologo Michal Horsky ha detto che «è un bene che gli abbia parlato, ma resta il fatto che lei è un Premier al quale mancano poteri pratici e l’autorità del Governo». Un altro politologo, Miroslav Kusy, ha rilevato che per mandare a casa un Ministro servono prove di una certa concretezza, e «sono queste abbastanza concrete? Non lo so», ha detto.

(Fonte TASR, La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google