Analisti: silenzio inusuale del Governo slovacco sulla legge bavaglio dell’Ungheria

Il Paese che si trova appena al confine meridionale della Slovacchia, scriveva Venerdì il quotidiano Pravda, è stato oggetto di feroci critiche espresse da molti Stati membri dell’UE per la sua controversa legge sulla libertà di stampa, ma il Governo slovacco resta in silenzio. Il Governo slovacco non ha infatti rilasciato alcuna dichiarazione ufficiale relativa alla legge dell’Ungheria, approvata appena prima di Natale, che ha fatto rizzare i capelli in testa a molti e che è stata anche fortemente criticata dall’Associazione dei giornalisti slovacchi (SAN), come abbiamo riferito in altro articolo Venerdì.

«Questo silenzio non è certamente appropriato», ha detto l’analista politico Jan Baranek sentito da Pravda; la diplomazia slovacca, secondo lui ha già perso il momento giusto per una reazione. «Se dovessero replicare ora, sarebbe già troppo tardi», ha spiegato Baranek.

Secondo il politologo Miroslav Kusy, il Governo slovacco cerca in questo modo soprattutto di non esacerbare le tensioni slovacco-ungheresi. «Questa sembra più una cessazione delle ostilità, dopo che entrambe le parti hanno utilizzato ogni possibile occasione per criticarsi a vicenda in passato … il Governo ha probabilmente deciso questa volta di astenersi», ha aggiunto Kusy.

(Fonte Pravda)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.