Economisti: prezzi alimentari in crescita fino al 7% all’inizio del 2011

La principale sfida che il Governo dovrà affrontare il prossimo anno è il previsto consolidamento delle finanze pubbliche, che dovrebbe riportare il disavanzo sotto il 5% del PIL, concordano gli analisti economici contattati da Tasr. «L’economia dovrà essere risanata nel settore delle finanze pubbliche, e dovrà seguire il percorso di ristrutturazione previsto», ha detto l’analista Maria Valachyova della banca Slovenska Sporitelna, che ha però notato che il consolidamento ridurrà la crescita economica e aumenterà i prezzi di quasi l’1%.

Comunque, il PIL della Slovacchia dovrebbe salire di oltre il 3% nel 2011, il che dovrebbe essere sufficiente a garantire la creazione di nuovi posti di lavoro. «Inoltre, il rallentamento della crescita di alcuni decimi di punto percentuale è una minaccia minore rispetto al pericolo di sprofondare colpevolmente nel debito», ha detto l’analista di Postova Banka, Eva Sadovska. Secondo lei, nel frattempo, i prezzi alimentari potrebbero aumentare di ben il 7% nel giro di alcuni mesi, accompagnati da un deprecabile rialzo di materie prime e petrolio sui mercati mondiali.

(Fonte TASR)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*